Facciamo uso dei cookie per rendere il sito più facile ed intuitivo. I cookie sono piccole porzioni di dati usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere la navigazione più piacevole e più efficiente sul nostro sito.

I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. È possibile disabilitare l´uso dei cookie personalizzando le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l´applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

Per ulteriori informazioni sui cookie visita AboutCookies.org

We use cookies to make the site more & ugrave; easy and intuitive. Cookies are small pieces of data used to perform automatic authentication, session tracking and storage of specific information about users. We use information collected through cookies to make browsing more & ugrave; pleasant and pi & ugrave; efficient on our site.

Cookies do not store any personal information about a user and any identifiable data will not be stored. You can disable the use of cookies by customizing the settings on your computer by setting the deletion of all cookies or activating a warning message when cookies are being stored. To proceed without modifying the application of cookies simply continue browsing.

For more information about cookies visit AboutCookies.org

 

Isola Comacina




A poca distanza dalla sponda, di fronte ai paesi di Ossuccio e di Sala Comacina, è Isola Comacina, l'unica del Lario con la candida secentesca chiesetta di San Giovanni.
L’Isola, si trova nella zona chiamata Zoca de l’Oli, dove il clima mite permette all’ulivo di crescere.

Conserva i resti del suo illustre passato quando fu uno dei più importanti centri religiosi della diocesi comasca con numerose chiese, tra le quali una delle più notevole basiliche dell’ XI secolo, S. Eufemia.
Chiamata ancora oggi castello (castél), l’isola fu una cittadella fortificata, con case e chiese cinte da alte mura ricoprendo una posizione politico dominante.
Alleata di Milano contro Como nella guerra decennale (1118-1127), fu completamente distrutta dai comaschi alleati al Barbarossa. Niente più venne ricostruito per secoli. L’isola finì sotto la responsabilità dell’Accademia Brera e nel 1939, l’architetto Pietro Lingeri costruì le tre case per artisti, in stile razionalista.
Scavi archeologici hanno portato alla luce importante testimonianze dell’Altomedioevo.
Nel paese di Ossuccio, nei pressi della chiesa romanica di S. Maria Maddalena. del famoso campanile gotico, è sorto “l’Antiquarium”, un piccolo museo, dove sono esposte molteplici reperti recuperati sull’Isola. L’isola può essere raggiunta anche da qui con un servizio di taxi boat.

Per informazioni su tariffe, e visite guidate rivolgersi all’Antiquarium tel. 0344 56369.
Durante la famosa Sagra di San Giovanni ogni anno l’isola diventa protagonista di un grande spettacolo pirotecnico che commemora la distruzione dell’Isola.