Facciamo uso dei cookie per rendere il sito più facile ed intuitivo. I cookie sono piccole porzioni di dati usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere la navigazione più piacevole e più efficiente sul nostro sito.

I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. È possibile disabilitare l´uso dei cookie personalizzando le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l´applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

Per ulteriori informazioni sui cookie visita AboutCookies.org

We use cookies to make the site more & ugrave; easy and intuitive. Cookies are small pieces of data used to perform automatic authentication, session tracking and storage of specific information about users. We use information collected through cookies to make browsing more & ugrave; pleasant and pi & ugrave; efficient on our site.

Cookies do not store any personal information about a user and any identifiable data will not be stored. You can disable the use of cookies by customizing the settings on your computer by setting the deletion of all cookies or activating a warning message when cookies are being stored. To proceed without modifying the application of cookies simply continue browsing.

For more information about cookies visit AboutCookies.org

 

Antica Strada Regina




L’Antica strada Regina che si snodava sulla sponda occidentale del lago, collegava Como ai passi alpini. Il tracciato di questa strada regia romana costeggiava la riva, talvolta coincidente e spesso parallela all’attuale strada. Seguiamo qui un tratto ben conservato dell’antica strada, che porta da Nobiallo (frazione di Menaggio) con stupende vedute del lago e delle montagne, al nucleo storico di Rezzonico. A Rezzonico si trova una delle rare fortificazioni ben conservate del lago.

• Punto di partenza per la passeggiata: Menaggio
• Itinerario: Menaggio - Nobiallo - Sasso - Rancio - Acquaseria - Molvedo - Santa Maria - Rezzonico
• Ritorno da Rezzonico in autobus linea C10
• Durata della passeggiata: ore 3.00
• Dislivello: 150 m
• Segnaletica: alcuni cartelli in legno “Sentiero del Giubileo 2000”

Percorso: da Piazza Garibaldi seguire il lungo lago fino al Lido per poi proseguire in Via Roma. Dopo ca.50 m imboccare Via Cipressi a destra che dopo aver passato l’entrata del campeggio Europa sbuca sullastatale che si segue lungo il marciapiede a destra. Giunti all'imbocco della galleria, prendere la stradina pedonale sulla destra, passando per la palestra di roccia. Raggiunta di nuovo la statale si attraversa per proseguire sul marciapiede fino ad imboccare la stradina che sale alla caserma dei carabinieri. Da qui si segue l'indicazione per la Vecchia strada Regina. Si entra nell’abitato di Nobiallo costeggiando la chiesa di S.Bartolomeo e S.Nicolao con il suo campanile romanico pendente del 13° secolo. Proseguendo sull’Antica Regina si incontra il Santuario della Madonna della Pace del 1660, dove si venera un simulacro che, nel 1558 versò lacrime. Qui inizia la gradinata che porta sulle pendici del Sasso Rancio dove, nel 18° e 19° secolo c’erano delle miniere del ferro. Si sale fino a 350 m. Si passa sopra Villa la Gaeta che fu costruita negli anni 20. Si passa accanto ad un “modernissimoresidence” e si prosegue diritto sull’acciottolato che scende ripidamente sbucando su un tratto di statale dimesso, dopo l’apertura di una galleria. Prendendo a sinistra si raggiunge lo sbocco della galleria stessa, da qui si procede con cautela per ca. 100 m sul margine della statale e all’altezza della seguente galleria, si prende la strada dismessa sulla destra. Trenta metri dopo si imbocca lo sterrato sulla sinistra che sale sopra il portale d'accesso della galleria e si prosegue nel bosco. Le prime case che si incontrano sono quelle di Acquaseria. Si attraversa il ponte sul fiume Serio e si entra nel centro abitato. Giunti davanti alla chiesa di S. Abbondio si continua lungo il suo lato destro. Si percorre la via Regina Margherita e in fondo al paese, ad un bivio, ci si dirige a destra (a sinistra la strada sale a Pezzo). La stradina diventa un acciottolato che conduce al paese di Molvedo. A Molvedo il tracciato è interrotto dal parco della Villa Camilla. Per aggirarlo si sale a Mastena. Alla fine dell’acciottolato che collega Acquaseria con Molvedo, all’altezza di una vecchia cabina dell’Enel, si imbocca la mulattiera a sinistra. Arrivati all’abitato di Mastena si gira a destra e si attraversa il centro. Giunti al torrente Cellino, si scende lungo la mulattiera a destra attraversandodue volte la strada asfaltata. Alla fine della mulattiera, si prende a sinistra per arrivare ad un oratorio. Siconsiglia una piccola deviazione verso lago per ammirare la chiesa di Santa Maria (1464) e i ruderi di un’antica fortezza romana. Tornati all’oratorio si riprende il vecchio tracciato. Oltrepassata la carrozzabile per le frazioni alte di Santa Maria, si prosegue sull’Antica Strada fra campicelli e bordure di muri. Prima di raggiungere Rezzonico, si passa a destra il “Castellaccio” che è quanto rimane di una torre basso medioevale. L’area è attrezzata di fontana e tavoli per il pic-nic. L’acciottolato scende al paese di Rezzonico e sbuca sulla statale dimessa che si attraversa per dirigersi in riva al lago dove si trova il pittoresco molo. Passati sotto i portici, si risale lungo la scalinata e si arriva al castello. È una delle rare fortificazioni ben conservate del lago con un’alta torre a merli del XIV secolo e partedelle mura che facevano da recinto, ove i locali potevano radunarsi in caso di pericolo. Dal castello ci si dirigeverso la statale dove si trova la fermata dell'autobus.