Facciamo uso dei cookie per rendere il sito più facile ed intuitivo. I cookie sono piccole porzioni di dati usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere la navigazione più piacevole e più efficiente sul nostro sito.

I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. È possibile disabilitare l´uso dei cookie personalizzando le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l´applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

Per ulteriori informazioni sui cookie visita AboutCookies.org

We use cookies to make the site more & ugrave; easy and intuitive. Cookies are small pieces of data used to perform automatic authentication, session tracking and storage of specific information about users. We use information collected through cookies to make browsing more & ugrave; pleasant and pi & ugrave; efficient on our site.

Cookies do not store any personal information about a user and any identifiable data will not be stored. You can disable the use of cookies by customizing the settings on your computer by setting the deletion of all cookies or activating a warning message when cookies are being stored. To proceed without modifying the application of cookies simply continue browsing.

For more information about cookies visit AboutCookies.org

 

Villa Balbianello




La villa è situata a Lenno sulla punta della penisola Lavedo tutta ricoperta di boschi, protesa nel centro del Lago di Como. L’invidiabile posizione sul lago conferisce alla villa una vista unica.
Il Cardinale Durini, fu il principale fondatore di Villa Balbianello ricavata da un preesistente convento francescano a cui aggiunse la celebre loggia con vista sui due golfi, di “Venere” e di “Diana”. Il giardino è caratterizzato da terrazze e balaustre e la sua struttura segue fedelmente l’andamento del terreno: in alcuni punti è scosceso con ripide rocce che creano vari piani di dislivello sui quali si alternano prati siepi, cipressi e querce.

Il complesso passò poi ai Porro Lambertenghi e quindi agli Arconati-Visconti. Quest’ultimo proprietario arricchì e valorizzò il giardino e la loggia.
Al termine della prima guerra mondiale, dopo un periodo di incuria, la villa venne acquistata dal generale statunitense Butler Ames . Egli restaurò tutto il complesso. I suoi eredi la cedettero all’esploratore conte Guido Monzini che collocò nella villa le sue collezioni d’arte e i ricordi dei suoi viaggi e esplorazioni. Infine destinata, per lascito testamentario, la villa è passata al Fondo Ambiente Italiano.

Apertura:
dal 16 marzo al 11 novembre 2013: 10.00 -18.00
Lunedì e mercoledì chiuso.

Accesso:
A piedi: Soltanto il martedì, sabato e domenica e giorni festivi è consentito l’accesso pedonale (dall' imbarcadero di Lenno circa 2 km)
Via lago: di fronte al Lido di Lenno è istituito un servizio regolare di motoscafi per accedere alla villa.

N.B. Gli interni della villa sono visitabili solo con visita guidata
Per Informazioni Tel 0344 56110 - Fax 0344 55575