Facciamo uso dei cookie per rendere il sito più facile ed intuitivo. I cookie sono piccole porzioni di dati usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere la navigazione più piacevole e più efficiente sul nostro sito.

I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. È possibile disabilitare l´uso dei cookie personalizzando le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l´applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

Per ulteriori informazioni sui cookie visita AboutCookies.org

We use cookies to make the site more & ugrave; easy and intuitive. Cookies are small pieces of data used to perform automatic authentication, session tracking and storage of specific information about users. We use information collected through cookies to make browsing more & ugrave; pleasant and pi & ugrave; efficient on our site.

Cookies do not store any personal information about a user and any identifiable data will not be stored. You can disable the use of cookies by customizing the settings on your computer by setting the deletion of all cookies or activating a warning message when cookies are being stored. To proceed without modifying the application of cookies simply continue browsing.

For more information about cookies visit AboutCookies.org

 

Villa Carlotta




Villa Carlotta a Tremezzo, venne commissionata alla fine del 1600 dal marchese Giorgio Clerici in una conca naturale tra lago e montagne: sorse così un edificio imponente, ma sobrio, circondato da un giardino all'italiana con statue, scalee e fontane.
Ma fu con Gian Battista Sommariva, il successivo proprietario, che la villa toccò il sommo dello splendore; egli infatti volle che parte del giardino fosse trasformato in un parco romantico e che la dimora venisse impreziosita con quei capolavori di artisti quali Canova, Thorvaldsen, Hayez che fanno ancora oggi della villa uno dei templi dell'arte ottocentesca.

Alla metà del XIX secolo la proprietà venne donata dalla principessa Marianna di Nassau alla figlia Carlotta in occasione delle sue nozze con Giorgio II, duca di Sachsen-Meiningen; quest'ultimo, appassionato botanico, si prodigò per lo sviluppo e l'arricchimento del vasto giardino paesaggistico, oggi di grande pregio storico e ambientale.
Il parco di villa Carlotta è celebre per la stupefacente fioritura primaverile dei rododendri e delle azalee in oltre 150 varietà, ma ogni periodo dell'anno è adatto per una visita: in un itinerario tra antichi esemplari di camelie, cedri e sequoie secolari, platani immensi e essenze esotiche si susseguono infatti sorprendenti incontri: il giardino roccioso, la valle delle felci, il bosco dei rododendri, il giardino dei bambù, il museo degli attrezzi agricoli e straordinari panorami.
Da oltre 10 anni, la villa ospita ogni venerdì sera, da luglio a settembre, una rassegna internazionale di musica da camera.

Apertura: Dal 15 Marzo al 10 novembre 2013 tutti i giorni
Da aprile a ottobre dalle 9.00 alle 18.00
marzo e novembre dalle 10.00 alle 17.00

Accesso: scalo Villa Carlotta - scalo Tremezzo col battello o aliscafo, dall’imbarcadero dirigersi verso nord sul lungo lago per ca. 600 m. - scalo Cadenabbia, dall’imbarcadero dirigersi verso sud sul lungo lago per ca. 500 m.
Per Informazioni Tel: 0344 41011 o 40405